X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 26 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Imponibili IVA i servizi di gestione di distributori automatici di contante

Non si applica il regime di esenzione se l’operazione non comporta il trasferimento di fondi

/ Corinna COSENTINO

Venerdì, 4 ottobre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le prestazioni di servizi consistenti nella gestione dei distributori automatici per il prelievo di denaro, rese da una società nei confronti di una banca, non possono qualificarsi come “operazioni relative ai pagamenti” se non comportano il trasferimento di fondi o non svolgono le funzioni specifiche ed essenziali di un trasferimento di tal genere. Di conseguenza, esse non rientrano nell’ambito applicativo del regime di esenzione IVA ai sensi dell’art. 135 lett. d) della direttiva 2006/112/CE.
È questa la conclusione cui è giunta la Corte di Giustizia Ue nella sentenza di ieri relativa alla causa C-42/18 (Cardpoint), richiamando principi già espressi in precedenti pronunce.

L’art. 135 lett. d) della direttiva, recepito nell’ordinamento nazionale all’art. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU