X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 20 ottobre 2019

FISCO

Né sanzioni né interessi per il credito compensato da omessa dichiarazione

Per la Cassazione, se il credito esiste, la compensazione estingue il debito all’origine

/ Alfio CISSELLO e Massimo NEGRO

Giovedì, 10 ottobre 2019

È ormai consolidato il principio secondo cui il contribuente può sia compensare sia riportare a nuovo il credito d’imposta derivante da una dichiarazione omessa, essendo irrilevante, ai fini dell’esistenza del credito, detta omissione dichiarativa, così come l’omessa indicazione nella dichiarazione dell’anno successivo (per dimenticanza o per omissione dichiarativa) del credito derivante da una dichiarazione regolarmente presentata.

Ciò, però, a due condizioni.
In primo luogo, devono essere osservati gli eventuali termini di legge per l’utilizzo del credito; così, se si tratta di credito IVA, occorre il rispetto del termine di cui all’art. 19 del DPR 633/72 per il diritto di detrazione.
Poi, l’utilizzabilità del credito deve pur sempre essere eccepita ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU