X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 15 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Nuove regole sugli interessi passivi da valutare per le differenze su cambio

/ Luca MIELE

Sabato, 26 ottobre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Uno dei temi da “monitorare” in sede di applicazione della nuova normativa concernente la deducibilità degli oneri finanziari è quello della eventuale inclusione delle differenze su cambio nell’ambito di applicazione dell’art. 96 del TUIR. Alcune recenti risposte dell’Agenzia delle Entrate contribuiscono a chiarire alcuni aspetti.

A livello unionale, l’art. 2, n. 1) della direttiva Ue 2016/1164 del 12 luglio 2016 (ATAD) stabilisce che tra gli oneri finanziari da assoggettare alla disciplina sono inclusi “determinati utili o perdite su cambi nell’ambito di prestiti e strumenti connessi alla raccolta di finanziamenti”.

Nell’ordinamento domestico, il punto di partenza è la qualificazione contabile di tali componenti reddituali; infatti, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU