X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 24 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Trust esteri opachi tassati in Italia se paradisiaci

La proposta di modifica dell’art. 44 del TUIR corregge la prassi fiscale antielusiva

/ Dario AUGELLO

Mercoledì, 23 ottobre 2019

La bozza di decreto fiscale contiene una riforma dell’art. 44, comma 1, lett. g-sexies) del TUIR, che concerne la tassazione dei redditi di capitale per i beneficiari di trust.
L’art. 12 del decreto – rubricato “Trust” – sembra chiarire, superando quanto stabilito dalla prassi (circ. n. 61/2010), che i redditi prodotti da trust esteri opachi (che possono definirsi tali secondo il diritto italiano) non sono tassabili in capo ai beneficiari residenti, salvo che l’ente sia stabilito in uno Stato o territorio a fiscalità privilegiata ai sensi dell’art. 47-bis del TUIR.

Occorre inoltre, ai fini della tassazione del reddito di capitale proveniente dal trust paradisiaco, la percezione del provento da parte del beneficiario.
La revisione dell’art. 44, se confermata, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU