X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 15 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Regime degli impatriati per chi è stato assunto dalla capogruppo italiana

La nuova misura del decreto «Crescita» vale solo per i trasferimenti dal 2020

/ Giorgio INFRANCA e Pietro SEMERARO

Lunedì, 4 novembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Può accedere al regime fiscale degli impatriati di cui all’art. 16, comma 1 del DLgs. 147/2015, nella versione vigente prima delle modifiche introdotte dal decreto “Crescita” (DL 34/2019), il contribuente che sia rientrato in Italia nel 2018 a seguito di assunzione da parte della capogruppo italiana, titolare del 100% delle azioni della società estera (non più operativa), presso la quale lo stesso svolgeva la propria attività lavorativa prima del rientro. Non sono applicabili, invece, nemmeno a partire dal 2020, le nuove condizioni di favore relativamente alla misura del beneficio e alla durata dello stesso previste dall’art. 5 del DL 34/2019. Questi sono i principi ricavabili dalla risposta ad interpello n. 904-1304/2019 rilasciata dalla DRE Lombardia (non ancora resa

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU