X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 12 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Rimangono i vincoli alla separazione delle attività in ambito immobiliare

La DRE Piemonte non ha ammesso la possibile divisione sulla base del regime IVA applicato

/ Emanuele GRECO e Stefano SPINA

Lunedì, 28 ottobre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Non è possibile separare le attività, nel settore immobiliare, sulla base del regime IVA di imponibilità o di esenzione al quale sono soggette le cessioni e le locazioni di fabbricati.

Lo ha precisato la risposta all’istanza di consulenza giuridica n. 901-4/2019 della DRE Piemonte, espressamente confermando la validità della precedente circolare n. 22/2013 in tema di separazione delle attività per le operazioni immobiliari.

La formulazione letterale dell’art. 36 comma 3 del DPR 633/72 consente la separazione delle attività tra:
- il settore delle locazioni o cessioni, in regime di esenzione IVA, di fabbricati abitativi;
- il settore delle locazioni o cessioni di altri fabbricati o altri immobili.

La circolare n. 22/2013 ha, quindi, interpretato tale previsione normativa riconoscendo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU