X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

Verso il singolo investimento azione di nullità solo se conforme a buona fede

Per le Sezioni Unite sono ammissibili le nullità «selettive», purché non provochino un ingiustificato sacrificio economico a danno dell’intermediario

/ Cecilia PASQUALE

Lunedì, 25 novembre 2019

La nullità del contratto di investimento per difetto di forma scritta, prevista dall’art. 23 comma 3 del DLgs. n. 58/98 (TUF), può essere fatta valere dall’investitore anche in relazione a singoli ordini di acquisto. Tuttavia, tale nullità “selettiva” può essere contraria a buona fede (e l’intermediario può eccepirlo in giudizio) nel caso in cui determini un ingiustificato sacrificio economico a suo danno, alla luce della complessiva esecuzione degli ordini.
Così ha deciso la Cassazione a Sezioni Unite nella sentenza 4 novembre 2019 n. 28314, intervenendo nel dibattito relativo alle modalità con cui opera il vizio della nullità previsto dall’art. 23 comma 3 del DLgs n. 58/98 per il caso in cui il contratto di investimento non sia redatto in forma scritta.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU