X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 26 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / FISCALITÀ INTERNAZIONALE

Esenzione per le quote di società estere con regole «italiane»

Non dovuta l’imposta sulle successioni e donazioni se si detiene il controllo, o si esercita comunque l’attività d’impresa, nel quinquennio successivo

/ Mario BONO

Mercoledì, 13 novembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

La valorizzazione, in sede di successione o di donazione, delle partecipazioni in società non residenti non ha mai trovato una soluzione univoca nella prassi.
In termini generali, l’art. 3 comma 4-ter del DLgs. 346/90 accorda l’esenzione integrale a condizione che venga acquisito o integrato il controllo della società da parte del beneficiario e che questa condizione continui a essere verificata per il successivo quinquennio, se la società è una società di capitali; diversamente, per le quote di società di persone non è previsto in modo espresso il requisito del controllo, dovendosi l’avente causa impegnare a proseguire l’attività d’impresa nei successivi cinque anni.

I principi della norma, calati nell’esperienza internazionale, hanno da sempre visto posizioni ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU