X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 27 novembre 2020 - Aggiornato alle 16.30

FISCO

L’adesione ai PVC fa venir meno il cumulo giuridico

Tale tesi, applicata da alcuni uffici, appare però censurabile

/ Giorgio INFRANCA e Pietro SEMERARO

Mercoledì, 13 novembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

La normativa fiscale in tema di sanzioni costituisce una sorta di “garbuglio” da cui è spesso difficile districarsi.
In particolare, le “Norme fondamentali” sulle sanzioni tributarie, contenute nel DLgs. 472/1997, hanno impegnato gli operatori sin dalla loro introduzione, vuoi per la difficoltà intrinseca della materia (di derivazione spiccatamente penalistica, ma oggetto di necessari riadattamenti), vuoi per una tecnica di drafting alle volte piuttosto “oscura”.
Nell’ambito di questo complesso impianto normativo un ruolo di primo piano è senz’altro giocato dall’art. 12 del DLgs. 472/1997, rubricato “Concorso di violazioni e continuazione”.

In particolare, il comma 5, come sostituito dall’art. 2 del DLgs. 99/2000, reca una ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU