X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 31 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Entry tax con avviamento per i trasferimenti dal 2019

L’Agenzia delle Entrate nega, però, il riconoscimento di tale componente per i trasferimenti in Italia ante DLgs. 142/2018

/ Gianluca ODETTO

Lunedì, 2 dicembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con due recenti interventi (risposta a interpello n. 460/2019 e risoluzione n. 92/2019), l’Agenzia delle Entrate ha fornito importanti precisazioni sulla fiscalità diretta del trasferimento della sede in Italia.

Entrambi i documenti fanno riferimento ad una fattispecie (l’incorporazione di una società estera da parte di una società italiana) che pacificamente la prassi amministrativa faceva rientrare tra le operazioni assimilate al trasferimento “vero e proprio”, prima che con la riforma operata dal DLgs. 142/2018 il fatto venisse tradotto in legge; entrambi i documenti fanno, inoltre, proprio riferimento ad operazioni effettuate prima della riforma stessa, che si è tradotta nella riscrittura dell’art. 166-bis del TUIR, per cui ci si deve porre il problema dell’estensione

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU