X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 17 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

In sede di notifica i documenti allegati al reclamo non devono essere firmati

È opportuno produrre i documenti citati nel ricorso per agevolare la definizione stragiudiziale

/ Caterina MONTELEONE

Lunedì, 2 dicembre 2019

L’art. 17-bis del DLgs. 546/92 prevede che il ricorso produca gli effetti di un reclamo se la controversia ha un valore non superiore a 50.000 euro. Per determinare il valore della lite, si applica l’art. 12 comma 2 del DLgs. 546/92, secondo cui “per valore della lite si intende l’importo del tributo al netto degli interessi e delle eventuali sanzioni irrogate con l’atto impugnato; in caso di controversie relative esclusivamente alle irrogazioni di sanzioni, il valore è costituito dalla somma di queste”.

Ne consegue che al ricorso/reclamo si applicano le regole del processo tributario telematico, il quale è obbligatorio per gli atti processuali introduttivi notificati a far data dal 1° luglio 2019.

Pertanto, il ricorso/reclamo deve essere notificato a mezzo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU