X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 24 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Conti deposito della banca italiana a clienti tedeschi con bollo del 2 per mille

L’imposta è dovuta in relazione alle comunicazioni periodiche inviate alla clientela

/ Anita MAURO

Martedì, 26 novembre 2019

La banca italiana che offre alla clientela tedesca, mediante una piattaforma informatica gestita da una società terza, conti deposito, in quanto soggetto “gestore” del rapporto di conto deposito, è tenuta a inviare le comunicazioni periodiche alla clientela, sulle quali è dovuta l’imposta di bollo del 2 per mille di cui all’art. 13 comma 2-ter della Tariffa, parte I, allegata al DPR 642/72.
Lo precisa l’Agenzia delle Entrate nella risposta a interpello n. 496, depositata ieri.

Il caso esaminato nella risposta fa riferimento a una banca italiana, regolarmente autorizzata a svolgere attività bancaria e finanziaria nell’Unione europea, che ha esteso la propria offerta di conti deposito in Germania, ove è autorizzata a operare in regime di libera prestazione di

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU