X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 30 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Restituzione dell’IVA indebita anche per le operazioni per Expo Milano 2015

Il termine di due anni decorre dal decreto che legittima il beneficio del regime di non imponibilità

/ Simonetta LA GRUTTA e Antonio NICOTRA

Mercoledì, 27 novembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’Agenzia delle Entrate, con la risposta a interpello n. 498, pubblicata ieri, ritorna sul tema della restituzione dell’IVA indebita e riconosce l’operatività dell’art. 30-ter comma 1 del DPR 633/72 nel caso di IVA applicata per operazioni non imponibili – in quanto funzionali alla realizzazione di Expo Milano 2015 – individuando il “presupposto per la restituzione” e, correlativamente, il dies a quo dei due anni per l’esercizio del diritto, nell’emissione del decreto governativo che legittima il beneficio del regime di non imponibilità ai fini IVA.

Nel caso di specie, in occasione dell’evento “Expo Milano 2015”, l’istante stipulava un contratto di appalto per opere di scavo e fondazione di un padiglione. Inizialmente, la ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU