X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 24 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

L’aumento del limite annuale non rende lecita l’indebita compensazione

L’entità del limite annuale di compensabilità dei crediti non riguarda la struttura essenziale del reato

/ Maurizio MEOLI

Mercoledì, 27 novembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il limite massimo annuale di compensazione non è un elemento essenziale della fattispecie di indebita compensazione (art. 10-quater del DLgs. 74/2000). Il suo innalzamento, quindi, non vale, eventualmente, a rendere lecita la precedente condotta.
A stabilirlo è la Cassazione, nella sentenza n. 48017, depositata ieri, che implicitamente conferma anche il fatto che la nozione di crediti “non spettanti” comprende altresì il caso di utilizzo di un credito certamente esistente ma non utilizzabile per la parte eccedente il limite stabilito dalla legge (cfr. Cass. nn. 48211/2015 e 36393/2015).

Al momento della condotta contestata, la fattispecie in questione puniva con la reclusione da sei mesi a due anni chiunque non versasse le somme dovute utilizzando in compensazione, ai sensi dell’art. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU