X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 10 luglio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Donazione di partecipazioni per parenti in linea collaterale non esente

Non si applica l’art. 3 comma 4-ter del DLgs. 346/90 alla donazione di partecipazioni di controllo operata dalla zia a favore della nipote

/ Anita MAURO

Sabato, 30 novembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’esenzione dall’imposta sulle successioni e donazioni di cui all’art. 3 comma 4-ter del DLgs. 346/90 non opera per i trasferimenti di partecipazioni a favore del nipote (figlio della sorella), atteso che la dizione “discendente” utilizzata dalla citata norma fa riferimento ai soli discendenti in linea retta e non comprende i parenti in linea collaterale, seppur essi siano, in quanto parenti, “discendenti da uno stipite comune”.
Lo chiarisce la Corte di Cassazione con la pronuncia n. 31333, depositata ieri.

Il principio sancito dalla Corte potrebbe apparire scontato, ma il fatto che la causa sia giunta in Cassazione induce a ritenere il contrario.
Nel caso di specie, le parti ritenevano di poter applicare l’esenzione dall’imposta sulle ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU