X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

L’omessa denuncia di infortunio segue il domicilio dell’assicurato

Stessa competenza territoriale anche nel caso la denuncia sia tardiva

/ Mario PAGANO

Mercoledì, 4 dicembre 2019

In caso di omessa o tardiva denuncia di infortunio all’INAIL, la competenza territoriale a conoscere del rapporto, ai sensi dell’art. 17, comma 5 della L. 689/1981 è in capo alla sede dell’Ispettorato territoriale del lavoro nel cui ambito è individuata la sede INAIL competente a ricevere e ad accertare tali denunce, ovvero quella del domicilio dell’assicurato.

Questo il chiarimento fornito dall’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL), Direzione centrale vigilanza, affari legali e contenzioso, con il parere n. 10202/2019, il cui contenuto riprende ragionamenti e conclusioni già formulate con il precedente parere n. 809/2017, concernente la medesima questione.

Ai sensi dell’art. 53 del DPR n. 1124/1965, il datore di lavoro è tenuto a denunciare all’Istituto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU