X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 gennaio 2020

LAVORO & PREVIDENZA

Licenziamento ritorsivo quando non sussiste il motivo addotto dal datore

Per la Cassazione, ha pesato anche la vicinanza temporale tra rifiuto della dipendente di sottoscrivere un accordo e intimazione del licenziamento

/ REDAZIONE

Mercoledì, 4 dicembre 2019

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 31527, pubblicata ieri, è tornata a occuparsi di licenziamento ritorsivo, confermando la statuizione emessa dai giudici di merito in relazione al caso di una lavoratrice, addetta all’ufficio del personale di una società, formalmente licenziata per giustificato motivo oggettivo.

In particolare, il datore di lavoro aveva posto a giustificazione del recesso intimato la necessità di sopprimere la posizione lavorativa della dipendente a causa di un calo del fatturato in un momento di crisi aziendale, con l’obbiettivo di ridurre i costi e gestire in modo maggiormente efficiente l’azienda.
Il licenziamento era stato intimato alla prestatrice dopo solo un giorno dal rifiuto dalla stessa avanzato di sottoscrivere un verbale di conciliazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU