X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 20 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / OPERAZIONI STRAORDINARIE

Fusione senza subentro automatico per la confisca

La qualificazione dell’operazione come evolutivo-modificativa ha riflessi, tra gli altri, su atti che implicano l’incorporazione di società titolari di immobili

/ Enrico ZANETTI

Martedì, 14 gennaio 2020

La società che risulta dalla fusione (o quella incorporante) assume tutti i diritti e gli obblighi delle società partecipanti alla fusione, proseguendo in tutti i rapporti, anche processuali, anteriori alla fusione (art. 2504-bis comma 1 c.c.).

Prima della riforma del diritto societario attuata dal DLgs. 6/2003, l’art. 2504-bis comma 1 c.c. parlava di subentro dell’incorporante nei diritti e negli obblighi delle “società estinte”, anziché delle “società partecipanti alla fusione”.
Tale riferimento alle “società estinte” aveva determinato un consolidato orientamento giurisprudenziale, secondo il quale l’operazione di fusione integrava dunque gli estremi della successione a titolo universale mortis causa della società che risulta post fusione

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU