X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 28 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Per l’agevolazione asili nido nuova funzionalità in caso di decesso del genitore

/ REDAZIONE

Mercoledì, 15 gennaio 2020

x
STAMPA

Con il messaggio n. 101 di ieri, l’INPS ha reso noto il rilascio di una nuova funzionalità all’interno della procedura per le agevolazioni per la frequenza di asili nido pubblici e privati (art. 1, comma 355 della L. 232/2016) che, in caso di decesso del genitore richiedente, consente il subentro dell’altro genitore nella domanda originariamente presentata.

La procedura di subentro per decesso è operativa per le istanze presentate dal 1° gennaio 2019 in qualsiasi stato (eccetto “bozza”, “protocollata annullata” e “chiusa”) e può essere utilizzata accedendo al servizio online dell’applicativo tramite PIN INPS dispositivo, SPD o Carta Nazionale dei Servizi; una volta autenticatosi, il genitore subentrante dovrà selezionare, nella voce “Variazione domanda”, la voce “Subentro per decesso” e inserire il codice fiscale del genitore deceduto.

Conclusa l’operazione di subentro si potrà variare la modalità di pagamento rispetto a quella scelta inizialmente, selezionando l’istanza e procedendo nel seguente percorso: voce di menu “Variazioni Domanda” - “Invia Richiesta” - “Motivo Richiesta di Variazione” - “Modifica modalità di Pagamento”.

Occorrerà, inoltre, allegare il modello dei dati di pagamento “SR163” nel caso in cui sia richiesto l’accredito su conto corrente, libretto postale o carta di pagamento dotata di IBAN.

Infine, l’INPS chiarisce che, ai fini del rimborso delle rette relative alle mensilità prenotate dal genitore deceduto non ancora documentate, il subentrante potrà allegare sia la documentazione di spesa intestata a proprio nome che la documentazione a suo tempo rilasciata al richiedente originario. Per quelle già documentate dal genitore deceduto si procederà al pagamento tenendo conto delle nuove modalità di pagamento indicate dal subentrante.

TORNA SU