X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 28 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Sanzione per ritardato versamento delle accise incompatibile con l’indennità di mora

La giurisprudenza di merito conferma il recente orientamento della Cassazione

/ Duccio CASCIANI e Francesco CAPOGROSSI

Giovedì, 23 gennaio 2020

Le Commissioni tributarie (C.T. Prov. Como n. 313/02/2019; C.T. Prov. Vicenza n. 6/02/2020) stanno confermando l’orientamento – secondo cui l’irrogazione della sanzione del 30%, di cui all’art. 13 del DLgs. 471/97, è incompatibile con il pagamento dell’indennità di mora prevista dall’art. 3 comma 4 del DLgs. 504/95 (Testo unico delle accise, c.d. TUA) – espresso da alcuni recenti arresti della Cassazione (Cass. nn. 30034/2018 e 1969/2019), con riferimento a casi di ritardato versamento delle accise.

La questione era stata in passato già affrontata dalla Suprema Corte con esito opposto, sulla base dell’asserita diversità funzionale delle misure: afflittiva, quanto alla sanzione ex art. 13 del DLgs. 471/97, e reintegrativa del patrimonio leso, quanto all’indennità ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU