X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 29 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Conversioni giudiziali dopo il 7 marzo 2015 escluse dalle tutele crescenti

Il DLgs. 23/2015 non si applica ai contratti a termine stipulati prima di tale data, ma convertiti per effetto di dichiarazione di nullità del termine apposto

/ Giada GIANOLA

Giovedì, 23 gennaio 2020

Il contratto di lavoro a tutele crescenti, introdotto dal DLgs. 23/2015, non si applica ai contratti a tempo determinato stipulati prima del 7 marzo 2015, ma convertiti in rapporti a tempo indeterminato successivamente, per effetto di una dichiarazione giudiziale di nullità del termine ivi apposto.
È quanto chiarito dalla Cassazione con la recente sentenza n. 823/2020, con cui i giudici di legittimità hanno individuato la corretta interpretazione da fornire al comma 2 dell’art. 1 del DLgs. 23/2015, risolvendo in questo modo il contrasto giurisprudenziale che negli ultimi anni si era registrato in sede di merito.

Si ricorda che in forza dell’art. 1, comma 1 del DLgs. 23/2015, la normativa in esso contenuta si applica ai lavoratori assunti a tempo indeterminato successivamente alla ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU