X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 22 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

In arrivo ulteriori reati presupposto per la responsabilità degli enti

Con il decreto attuativo della direttiva PIF sanzioni più severe per i reati connessi all’IVA e alle frodi comunitarie

/ Maria Francesca ARTUSI

Venerdì, 24 gennaio 2020

Il Consiglio dei Ministri ha approvato ieri in esame preliminare lo schema di decreto per l’attuazione della direttiva Ue 2017/1371 (c.d. direttiva PIF, relativa alla lotta contro la frode che lede gli interessi finanziari dell’Unione).
Con tale direttiva, come recepita dalla L. 117/2019, il Governo italiano è stato chiamato ad integrare le disposizioni del DLgs. 231/2001, prevedendo tale responsabilità anche per i reati che ledono gli interessi finanziari dell’Unione europea, che non siano già compresi nel catalogo di quelli che possono dare origine alla responsabilità degli enti, da accertarsi avanti al giudice penale.

Una prima attuazione rispetto a quanto richiesto dall’Unione europea può già essere individuata nell’inserimento di alcuni dei più gravi delitti ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU