X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 28 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

I commercialisti chiedono chiarimenti sul regime forfetario

Fa ancora discutere la decorrenza del limite di 30 mila euro. Secondo sindacati e Consiglio nazionale la causa ostativa va rimossa entro il 2020

/ REDAZIONE

Mercoledì, 29 gennaio 2020

Il limite dei 30 mila euro di reddito da lavoro dipendente, introdotto dalla legge di bilancio 2020 come causa di esclusione dal regime forfetario, non rispetta i principi contenuti nello Statuto del contribuente, in particolare quello che impone un lasso di tempo di minimo 60 giorni per consentire ai contribuenti di affrontare i nuovi adempimenti.
La denuncia arriva da ADC e ANC che, attraverso un comunicato congiunto diffuso ieri, hanno chiesto un “immediato intervento” da parte del legislatore o, in supplenza, dell’Agenzia delle Entrate, per la risoluzione di alcuni dubbi interpretativi.

Nello specifico, i chiarimenti dovrebbero riguardare i pagamenti tracciabili delle detrazioni fiscali, in modo da consentire ai contribuenti di continuare a pagare in contanti almeno per

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU