X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 5 aprile 2020

IL PUNTO / PROCEDURE CONCORSUALI

Dubbi sul termine di liberazione dell’immobile del fallito

Le principali questioni interpretative, nel silenzio del RD 267/42, sono state sinora risolte dalla giurisprudenza di merito

/ Tommaso NIGRO

Giovedì, 20 febbraio 2020

La liberazione dei cespiti nelle vendite coattive rappresenta, da tempo, un argomento di grande interesse, in considerazione della sentita necessità di rendere maggiormente appetibile il ricorso a tale forma di acquisto da parte del mercato immobiliare.

Nel sistema antecedente la prima riforma del 2006, il meccanismo di liberazione, che conseguiva necessariamente all’emissione del decreto di trasferimento ex art. 586 c.p.c., non era ritenuto sufficientemente incentivante poiché, nell’applicazione pratica, molto spesso l’aggiudicatario si trovava nella condizione di non poter immediatamente fruire del bene acquistato, nonostante il versamento integrale del prezzo.

Già la migliore prassi aveva cercato di dare adeguata soluzione al problema, così stimolando la riforma dell’art. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU