X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 5 aprile 2020

LAVORO & PREVIDENZA

Contratto a tutele crescenti sempre più a rischio

La legittimità della disciplina sui licenziamenti del Jobs Act continua ad essere messa in dubbio da varie fonti

/ Luca NEGRINI

Mercoledì, 26 febbraio 2020

Le disposizioni del DLgs. 23/2015, che avevano rivoluzionato la disciplina sanzionatoria per i licenziamenti dei dipendenti assunti dopo il 7 marzo 2015, introducendo una tutela indennitaria in misura predeterminata nella maggior parte dei casi, sembrano non conoscere pace, sia sul piano nazionale che comunitario.

Dopo la pronuncia n. 194/2018 della Corte Costituzionale, che ha dichiarato l’incostituzionalità dell’art. 3, comma 1 del DLgs. 23/2015 nella parte in cui stabiliva in misura fissa in ragione d’anno l’indennizzo per una risoluzione non assistita da giusta causa o da giustificato motivo oggettivo, ulteriori questioni di costituzionalità sono state poste in relazione ad altre norme del Jobs Act.

Di quelle sollevate dal Tribunale di Bari, con un’ordinanza

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU