X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 12 luglio 2020

LAVORO & PREVIDENZA

Coronavirus, dispositivi di protezione individuale utili per il rischio biologico

Se i rischi non possono essere evitati o ridotti con altri metodi, vanno adottate misure alternative quali telelavoro e smart working ove realizzabili

/ Noemi SECCI

Mercoledì, 26 febbraio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’epidemia da coronavirus COVID-19 evidenzia, soprattutto per le unità operative situate nelle località interessate dai contagi, la necessità che il datore di lavoro, con la collaborazione del medico competente, adotti misure preventive per tutelare i lavoratori dal rischio biologico.

Il datore di lavoro ha infatti l’obbligo di tutelare i dipendenti dall’esposizione agli agenti biologici (artt. 266 e 267 del DLgs. 81/2008), ossia da qualsiasi microorganismo che potrebbe provocare infezioni, allergie o intossicazioni.
Il Ministero della Salute, con la circolare 3 febbraio 2020 n. 3190, ha fornito alcune prime indicazioni sulle misure preventive che i datori di lavoro devono adottare. Queste raccomandazioni, consistenti in comuni misure utili a evitare i virus influenzali e parainfluenzali, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU