X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 17 gennaio 2021

FISCO

Sanzionabile la tardiva variazione dati del rappresentante legale

Il principio affermato dall’Agenzia delle Entrate vale anche per i dati in dichiarazione e nella comunicazione LIPE

/ Emanuele GRECO

Venerdì, 6 marzo 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il tardivo invio del modello di variazione dati, oltre il termine di 30 giorni, non configura violazione meramente formale e, pertanto, è punito con una sanzione compresa tra 500 e 2.000 euro come stabilito dall’art. 5 comma 6 del DLgs. 471/97.
Secondo l’interpretazione del’Agenzia delle Entrate, fornita nelle risposte a interpello nn. 86 e 87 pubblicate ieri, in termini generali non si può sostenere che la suddetta violazione sia estranea al computo della base imponibile e dell’imposta, dei relativi versamenti e che non arrechi pregiudizio alle azioni di controllo.

Non è, quindi, sostenibile la tesi, proposta dal ricorrente, secondo cui il tardivo invio del modello potrebbe configurare un illecito meramente formale ai sensi dell’art. 6 comma 5-bis del DLgs. 472/97. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU