X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 23 gennaio 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Opzione su fabbricato con possibile soggezione a IVA

/ Dario BONSANTO e Emanuele GRECO

Giovedì, 16 aprile 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nel settore immobiliare, non è infrequente che una società di gestione conceda ad un potenziale compratore il diritto ad acquistare un fabbricato fissandone il corrispettivo.
La pattuizione si fonda sul disposto dell’art. 1331 c.c., tale per cui, con il diritto d’opzione, uno dei contraenti si vincola a mantenere ferma la propria dichiarazione (la quale assume la natura di proposta irrevocabile), con facoltà per la controparte di accettarla o meno entro un termine prestabilito.

La prassi commerciale prevede che il corrispettivo pattuito divenga esigibile solamente nel caso di mancato esercizio dell’opzione entro i termini pattuiti.
Viceversa, infatti, qualora il diritto di opzione sia esercitato dal compratore, il corrispettivo risulta “assorbito” dal prezzo di acquisto

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU