X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 6 giugno 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / PROCEDURE CONCORSUALI

Nessuna acquiescenza in difetto di osservazioni al progetto di stato passivo

La facoltà di replica entro la prima udienza per l’esame dello stato passivo esclude la decadenza

/ Antonio NICOTRA

Giovedì, 2 aprile 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’assenza di contestazioni alle proposte di ammissione allo stato passivo, contenute nel progetto redatto dal curatore, non determina la decadenza dal diritto di opposizione allo stato passivo ex art. 98 del RD 267/42. In sede di verifica dello stato passivo, infatti, non incombe sui creditori il dovere processuale di prendere posizione sulle eccezioni difensive e determinazioni conclusive del curatore.

Una parte della giurisprudenza di merito, tuttavia, sembra far discendere dal comportamento omissivo dei creditori il significato di acquiescenza alle dichiarazioni del curatore con conseguente inammissibilità della successiva opposizione allo stato passivo.
L’inserimento nel verbale dello stato passivo della “richiesta di chiarimenti” alla curatela in ordine alle domande

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU