X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 6 giugno 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Inesistenza oggettiva e soggettiva delle fatture con causale «falsa»

La differenza tra le due tipologie di dichiarazione fraudolenta ex artt. 2 e 3 del DLgs. 74/2000 è data dal modo in cui l’operazione è documentata

/ Maria Francesca ARTUSI

Giovedì, 2 aprile 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La differenza tra le due tipologie di dichiarazione fraudolenta, previste rispettivamente dagli artt. 2 (utilizzo di fatture per operzioni inesistenti) e 3 (“altri artifici”) del DLgs. 74/2000, non è data dalla natura dell’operazione, ma dal modo in cui essa è documentata. Ciò in quanto la particolare idoneità probatoria delle fatture comporta una maggiore capacità decettiva delle falsità commesse utilizzando proprio tali documenti.
Si tratta di un rapporto di “specialità reciproca” che intercorre tra le due fattispecie, come torna a precisare la Corte di Cassazione nella sentenza n. 10916 depositata ieri: “accanto ad un nucleo comune costituito dalla presentazione di una dichiarazione infedele, il primo presuppone l’utilizzazione di fatture o documenti

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU