X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 23 gennaio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Aliquota IVA piena per i respiratori polmonari

La direttiva permetterebbe agli Stati membri la riduzione di aliquota per gli apparecchi medici ma l’Italia non se ne è avvalsa

/ Dario BONSANTO e Emanuele GRECO

Venerdì, 20 marzo 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Che il nostro Paese non fosse pronto a gestire un’emergenza come quella di questi giorni è sotto gli occhi di tutti. Oltre ai profili organizzativi emergono anche possibili agevolazioni fiscali di cui, inspiegabilmente, il legislatore nazionale e comunitario non sembrano aver tenuto conto.
Tra questi, è lampante il caso della produzione e commercializzazione dei dispositivi medici, ceduti o importati da parte di soggetti passivi senza poter beneficiare di alcuna riduzione in termini di aliquota IVA.

I respiratori (o ventilatori) polmonari potrebbero rientrare nell’ambito dei dispositivi medici, configurandosi come tale “qualunque strumento, apparecchio, impianto, software, sostanza o altro prodotto, utilizzato da solo o in combinazione, destinato dal fabbricante ad essere impiegato

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU