X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 14 aprile 2021 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Nell’emergenza possibile l’identificazione del cliente via videoconferenza

Da verificare, in via prioritaria, l’applicabilità delle casistiche previste dalla normativa antiriciclaggio vigente per l’identificazione a distanza

/ Stefano DE ROSA e Annalisa DE VIVO

Lunedì, 30 marzo 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’emergenza epidemiologica da COVID-19 e le conseguenti restrizioni imposte dal Governo stanno impattando sulle attività dei professionisti e dei propri clienti. In tale contesto è presumibile che i destinatari degli obblighi antiriciclaggio possano andare incontro a difficoltà operative per lo svolgimento delle procedure connesse all’adeguata verifica della clientela, con particolare riguardo all’identificazione dei soggetti interessati e alla raccolta di dati e informazioni.

Si ricorda che, ai sensi dell’art. 18 del DLgs. 231/2007, gli obblighi di adeguata verifica della clientela consistono: nell’identificazione del cliente e dell’esecutore nonché nella verifica delle rispettive identità; nell’identificazione del titolare effettivo e nella verifica

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU