X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 25 novembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Con attività chiuse PIL giù del 70%

Per ogni mese di «lockdown» i commercialisti calcolano una perdita di circa 100 miliardi di PIL. Miani: «Mettere al centro il tema della liquidità»

/ Savino GALLO

Sabato, 28 marzo 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Una potenziale riduzione del PIL tra gli 85 e 100 miliardi di euro per ogni mese di “lockdown”, con un crollo del prodotto interno lordo, nel periodo di chiusura, tra il 60 e il 70%. Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti ed esperti contabili ha provato a quantificare l’impatto sull’economia delle misure adottate dal Governo per contenere la diffusione del COVID-19.

Analizzando i dati ISTAT relativi al 2019, il CNDCEC ha calcolato il “peso”, in termini di PIL, delle attività per le quali è stata disposta la chiusura, di quelle che sono state parzialmente chiuse e, infine, di quelle il cui pieno svolgimento è rimasto consentito.

Su un totale di 1.787 miliardi di euro (il PIL del 2019), le prime hanno contribuito per oltre 615 miliardi, ovvero il 34,42%; ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU