X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 6 giugno 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Domanda di CIGO «speciale» anche senza fruizione delle ferie residue

Nel richiedere la prestazione con causale «COVID-19 nazionale» occorre tenere conto di diverse eccezioni rispetto agli adempimenti ordinari

/ Noemi SECCI

Giovedì, 2 aprile 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 19 del DL 18/2020 (decreto “Cura Italia”) ha previsto, a favore dei datori di lavoro operanti su tutto il territorio nazionale, che hanno dovuto interrompere o ridurre l’attività produttiva per eventi riconducibili all’emergenza epidemiologica da COVID-19, la possibilità di richiedere in modo più agevole la concessione del trattamento ordinario di integrazione salariale (CIGO) o l’accesso all’assegno ordinario.

L’integrazione salariale può essere concessa relativamente ai lavoratori che al 23 febbraio 2020 risultino alle dipendenze dei datori di lavoro richiedenti la prestazione (il lavoratore si considera in forza anche nelle ipotesi di trasferimento d’azienda ai sensi dell’art. 2112 c.c. e in caso di cambio appalto, come specificato ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU