X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 20 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Le procedure di sovraindebitamento già omologate si possono sospendere

Considerata l’emergenza il piano può anche essere modificato ma, secondo i commercialisti, tutta la procedura va resa più snella

/ Savino GALLO

Martedì, 7 aprile 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Sospensione di tre mesi per tutte le procedure di indebitamento già omologate, siano esse piani del consumatore o accordi di ristrutturazione dei debiti, con successiva possibilità di modificarne i contenuti. Secondo Consiglio e Fondazione nazionale dei commercialisti, percorrere questa strada in un momento di estrema difficoltà economica come quello che stiamo vivendo è possibile.

Stando, infatti, al documento “Emergenza COVID-19: prime indicazioni operative per la gestione delle procedure di composizione della crisi da sovraindebitamento”, presentato ieri da CNDCEC e FNC, l’art. 13, comma 4-ter della legge 3/2012, concede la possibilità di modificare la proposta su cui si fondano il piano o l’accordo nel caso in cui fare fronte agli obblighi divenga impossibile per

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU