X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 26 novembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Permanenza all’estero del lavoratore distaccato da valutare

L’eventuale decisione di far rientrare in Italia il lavoratore presuppone l’accordo di cessazione del distacco

/ Marcello ASCENZI

Martedì, 14 aprile 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il datore di lavoro nella gestione del personale espatriato deve rispettare le norme introdotte per fronteggiare il COVID-19, prestando particolare attenzione a quelle che impattano due caratteri peculiari della mobilità internazionale, quali la limitazione agli spostamenti e la modalità di esecuzione dell’attività lavorativa, soggetta a sospensione o subordinata a protocolli di sicurezza, considerando, tra l’altro, che le regole da osservare non sono solo quelle del Paese di origine ma anche quelle del Paese di destinazione; ciò rende ancor più articolata la gestione del personale all’estero per sua natura non semplice.

Qualora non sia possibile proseguire l’attività all’estero, anche da remoto in modalità “agile”, il datore di lavoro dovrà valutare ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU