X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 14 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Rettifica da pro rata al bivio tra cessioni imponibili ed esenti

/ Emanuele GRECO

Martedì, 14 luglio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

I fabbricati (o loro porzioni) sono, in ogni caso, qualificati come beni ammortizzabili ai fini della disciplina di rettifica della detrazione IVA.
Nell’ipotesi in cui un fabbricato sia ceduto nel corso del periodo di osservazione (fissato in 10 anni per i fabbricati), l’art. 19-bis2 comma 6 del DPR 633/72 permette di recuperare, in un’unica soluzione, l’IVA che non era stata detratta, in proporzione agli anni mancanti al compimento del periodo (decennale).
Il decennio decorre dall’anno di acquisto o di ultimazione del fabbricato.

Dunque, ai sensi del richiamato art. 19-bis2 comma 6 del DPR 633/72, la rettifica è operata, in unica soluzione, per tutti gli anni che mancano al compimento del decennio, “considerando a tal fine la percentuale di detrazione pari ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU