X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 15 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / OPERAZIONI STRAORDINARIE

Retrodatazione della fusione con semplificazioni limitate

La scelta di anticipare gli effetti dell’operazione rischia addirittura di comportare calcoli diversamente assenti

/ Emanuele LO PRESTI VENTURA

Martedì, 12 maggio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La retrodatazione degli effetti fiscali di una fusione, scelta che si accompagna necessariamente a quella adottata ai fini contabili (OIC 4 “Fusione e scissione” § 4.3.1.3), consente di evitare il prodursi di un autonomo periodo d’imposta in capo alla società fusa o assai più frequentemente incorporata, tipicamente dal 1° gennaio dell’anno di effettuazione dell’operazione al giorno antecedente a quello di ultima iscrizione dell’atto finale, con tutte le conseguenze del caso sul fronte dichiarativo e degli eventuali versamenti.

L’opzione permette altresì all’eventuale risultato negativo o ancora alle eventuali eccedenze di interessi passivi o ACE della società dante causa, relativi al lasso di tempo non assurto al rango di periodo d’imposta, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU