X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 13 luglio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

L’omessa dichiarazione fa «saltare» l’impresa familiare

Il presupposto per l’imputazione del reddito ai partecipanti è la presentazione della dichiarazione

/ Francesco BRANDI

Mercoledì, 3 giugno 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La mancata presentazione della dichiarazione impedisce di chiedere, in sede di accertamento, la ripartizione dei redditi tra i partecipanti all’impresa familiare. È inammissibile, peraltro, la produzione documentale dei nominativi in sede di legittimità.
Lo ha ricordato la Cassazione con l’ordinanza n. 9506 del 22 maggio 2020, che ha respinto il ricorso di una farmacista.

La contribuente ha impugnato l’avviso di accertamento per mancata presentazione della dichiarazione dei redditi chiedendo che il maggior reddito fosse imputato tra i due partecipanti.
La C.T. Prov. ha respinto il ricorso e la C.T. Reg. ha confermato la decisione evidenziando che la questione atteneva alla ripartizione degli utili di un’impresa familiare, per la cui ripartizione tra i partecipanti occorreva

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU