X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 24 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Per il coniuge non assegnatario agevolazione prima casa in bilico

/ Anita MAURO

Mercoledì, 12 agosto 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

In sede di separazione o divorzio, l’immobile destinato a casa familiare degli ex coniugi può essere “assegnato” a uno di loro perché vi risieda con i figli.
L’assegnazione può prescindere dalla proprietà dell’immobile. Ad esempio, può accadere che l’immobile sia integralmente (o al 50%) di proprietà del coniuge che non risulta assegnatario della casa familiare.

Ci si può domandare quali conseguenze possano derivare da tale situazione con riferimento all’agevolazione prima casa, ove il coniuge non assegnatario abbia usufruito dell’agevolazione ai tempi dell’acquisto e, dopo la separazione, intenda acquistare una nuova abitazione da utilizzare come prima casa, dato che la “vecchia” è utilizzata dall’ex coniuge e dai figli.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU