X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 13 luglio 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Cassa integrazione possibile per il lavoratore non «assorbito» nell’appalto

L’INL fornisce indicazioni dopo le modifiche apportate al DL 18/2020 in sede di conversione e dal decreto Rilancio

/ Mario PAGANO

Giovedì, 4 giugno 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

A poco più di due settimane dalla sua entrata in vigore, arrivano con la nota n. 160/2020 le prime indicazioni operative dell’Ispettorato nazionale del Lavoro (INL) in merito alle ulteriori modifiche apportate al DL 18/2020 (Cura Italia), già convertito dalla L. 27/2020, da parte del DL 34/2020 (decreto “Rilancio”).

Tra le tante indicazioni di rilievo appaiono le modifiche apportate all’art. 46 del DL 18/2020 in tema di licenziamenti collettivi e individuali per giustificato motivo oggettivo. Ci si riferisce in particolare alla specifica che fa salve, rispetto al divieto di licenziamento, le procedure di recesso nelle “ipotesi in cui il personale interessato dal recesso, già impiegato nell’appalto, sia riassunto a seguito di subentro di nuovo appaltatore in

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU