X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 27 novembre 2020 - Aggiornato alle 16.30

FISCO

Rebus maggiorazioni per il saldo IVA del 2019

La rimessione in termini per il versamento di marzo 2020 rende incerta la data di riferimento

/ Mirco GAZZERA e Massimo NEGRO

Martedì, 16 giugno 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

I soggetti passivi che non hanno ancora versato il saldo IVA relativo all’anno 2019 e per i quali il versamento non risulta sospeso possono provvedere entro il 30 giugno o il 30 luglio 2020, anche mediante una rateazione da completare nel mese di novembre. Non sembra pacifica, tuttavia, l’individuazione della data dalla quale computare le maggiorazioni dovute, considerato che i versamenti in scadenza il 16 marzo 2020 (fra i quali, il predetto saldo IVA) potevano essere effettuati entro il 16 aprile 2020, senza sanzioni e interessi.

Gli artt. 61 e 62 del DL 18/2020 (conv. L. 27/2020) hanno previsto, fra l’altro, la sospensione dei termini per i versamenti IVA in scadenza nel mese di marzo 2020, con riguardo:
- ai soggetti che operano nei settori maggiormente colpiti dall’emergenza ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU