X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 7 luglio 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Sanzionabile la regolarizzazione tardiva della contribuzione per l’incentivo all’esodo

Il datore di lavoro deve inviare il flusso regolarizzativo utilizzando la posizione contributiva del lavoratore alla data di cessazione del rapporto

/ Daniele SILVESTRO

Sabato, 6 giugno 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con il messaggio n. 2326/2020, l’INPS fornisce le istruzioni per la regolarizzazione della contribuzione figurativa correlata a carico del datore di lavoro, utile sia per il diritto che per la misura della pensione, prevista dall’art. 4 comma 1 della L. 92/2012.
Quest’ultima norma prevede che, nei casi di eccedenza di personale, al fine di incentivare l’esodo dei lavoratori più anziani, il datore di lavoro che impiega mediamente più di quindici dipendenti possa stipulare un accordo con le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative a livello aziendale, attraverso cui si obbliga a corrispondere agli stessi lavoratori una prestazione di importo pari al trattamento di pensione che spetterebbe in base alle regole vigenti, e all’INPS la relativa contribuzione

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU