X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 15 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Le Entrate possono appellare se intervenute nel processo contro l’AdeR

Sembra incondizionata la legittimazione all’appello per questioni inerenti al merito della pretesa

/ Alfio CISSELLO

Sabato, 11 luglio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nelle liti contro la cartella di pagamento può accadere che il contribuente sollevi vizi dell’atto imputabili sia all’ente impositore che all’Agenzia delle Entrate-Riscossione (AdeR).
Ove il ricorso concerna atti successivi alla cartella di pagamento (si pensi all’intimazione di pagamento oppure alla comunicazione di fermo o di ipoteca), è possibile censurare il merito della pretesa solo se si dimostra che gli atti presupposti non sono stati notificati, eventualità in cui, comunque, l’atto successivo dovrebbe di per sé essere annullato.

In fattispecie del genere, il contribuente potrebbe notificare il ricorso al solo Agente della riscossione. Questi, se non vuole rispondere delle conseguenze della lite, se citato in giudizio per vizi imputabili, in tutto o in parte, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU