X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 12 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Anche nel rito tributario prevale la ricerca della verità materiale

Il giudice deve esaminare nel merito il rapporto tributario

/ Gianpaolo ALICE

Lunedì, 6 luglio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

In un sistema processuale che non ammette la prova testimoniale e contempla l’utilizzo dilagante della prova indiretta critica (per richiamare l’espressione alloriana), è necessario interrogarsi sullo spazio da assegnare al percorso peritale in funzione della ricerca della verità materiale.

L’art. 7 del DLgs. 546/92 comprende entrambe le prospettive: la regola sulla prova testimoniale consente al potere processuale di utilizzare dichiarazioni raccolte al di fuori del contraddittorio (Cass. 16 novembre 2018 n. 29546, e i richiami in essa contenuti; ritiene la natura documentale della dichiarazione del terzo concretizzata in una res cartacea Cass. n. 7714/2013); le possibilità previste ai commi 1 e 2 del richiamato art. 7, a seguito dell’abrogazione del terzo comma, attribuiscono ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU