X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 30 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Imposte d’atto fuori dal contraddittorio preventivo

Il dato normativo non autorizza una lettura in questo senso

/ Dario AUGELLO

Martedì, 23 giugno 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la circolare n. 17 pubblicata ieri l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti sull’invito obbligatorio previsto dal nuovo art. 5-ter del DLgs. 218/1997.
Tra i diversi punti affrontati, si registra il chiarimento relativo ai tributi interessati dal nuovo obbligo di contraddittorio.

L’Agenzia manifesta una posizione netta, in quanto ritiene obbligatorio l’invito solo per i tributi ricompresi nel Capo II del DLgs. 218/1997, vale a dire imposte sui redditi e imposta sul valore aggiunto, con ciò escludendo che l’obbligo di invito preventivo, alle condizioni stabilite dall’art. 5-ter, si applichi anche alle imposte indirette suscettibili di accertamento con adesione, vale a dire imposta di registro, imposta sulle successioni e donazioni e imposte ipotecarie ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU