X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 14 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / OPERAZIONI STRAORDINARIE

IVA di gruppo anche per la beneficiaria newco nelle scissioni

Se la scissa fosse compresa in una liquidazione IVA di gruppo o in un Gruppo IVA il regime opzionale dovrebbe estendersi senza soluzione di continuità

/ Enrico ZANETTI

Martedì, 14 luglio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le scissioni, al pari delle fusioni, rientrano tra quelle operazioni di “trasformazione sostanziale soggettiva” cui la dottrina e la prassi dell’Amministrazione finanziaria riconoscono la caratteristica di determinare il subentro dell’avente causa dell’operazione nelle posizioni soggettive IVA del dante causa.

Ciò dovrebbe comportare, come avviene per le fusioni, che, ai fini dei regimi opzionali della “liquidazione IVA di gruppo” ex art. 73 del DPR 633/72 e del “Gruppo IVA” ex art. 70-bis e ss. del DPR 633/72, le partecipazioni che ante scissione risultavano possedute dalla società scissa si considerano possedute dalla società beneficiaria non già a decorrere dal momento di perfezionamento giuridico della scissione, bensì “retroattivamente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU