X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 14 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Plusvalenze da prelievo di valute estere con effetti anche per i contratti a termine

Si tratta di una fattispecie «autonoma» che rappresenta il presupposto dell’operazione di investimento di cessione a termine di valuta

/ Salvatore SANNA

Martedì, 14 luglio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la risposta n. 210, pubblicata ieri, l’Agenzia delle Entrate è intervenuta sulla tassazione delle plusvalenze derivanti da un contratto a termine di cessione di valuta di tipo traslativo.

Per i soggetti che non svolgono attività di impresa, le operazioni in valuta possono generare redditi diversi di natura finanziaria ricompresi nell’art. 67 comma 1 lett. c-ter) del TUIR anche in caso di prelievo da un conto corrente o da un deposito tenuto in una valuta diversa dall’euro.
Riguardo a questa fattispecie, la norma stabilisce che le plusvalenze derivanti dalla cessione a titolo oneroso di valute estere rinvenienti da depositi e conti correnti concorrono a formare il reddito a condizione che, nel periodo di imposta in cui esse sono realizzate attraverso il prelievo dal deposito ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU