X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 14 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Nuova disciplina per operazioni autoliquidanti e rapporti col concordato

Il decreto correttivo e integrativo del Codice della crisi supera i contrasti interpretativi

/ Antonio NICOTRA

Martedì, 14 luglio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Cassazione n. 11524/2020 ha stabilito che l’art. 169-bis del RD 267/42, che consente al debitore proponente un concordato di chiedere al giudice lo scioglimento dei contratti pendenti, si applica al contratto-quadro di anticipazione bancaria contro cessione di credito o mandato all’incasso e annesso patto di compensazione, fin quando la banca, nell’anticipare al cliente l’importo dei crediti non ancora scaduti vantati da quest’ultimo nei confronti dei terzi, non abbia ancora raggiunto il tetto massimo convenuto tra le parti. La norma non si applica, invece, alla singola operazione di anticipazione in conto corrente contro cessione di credito o mandato all’incasso con patto di compensazione, ancora in corso al momento dell’apertura del concordato,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU