X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 14 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Avviamento deducibile solo se iscritto in bilancio al valore reale

Per la Cassazione, l’Amministrazione finanziaria può sempre sindacare la deducibilità, se prova che il valore del bene è inesistente o sopravvalutato

/ Silvia LATORRACA

Martedì, 14 luglio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 14872, depositata ieri, 13 luglio 2020, la Corte di Cassazione si è pronunciata in merito alla possibilità, da parte dell’Amministrazione finanziaria, di sindacare la deducibilità delle quote di ammortamento, ove dimostri che il bene materiale o immateriale non è stato iscritto in bilancio al valore reale.

Nel caso di specie, l’Agenzia delle Entrate aveva escluso la deducibilità delle quote di ammortamento del valore dell’avviamento dell’azienda ceduta alla contribuente come iscritto in bilancio, con conseguente ripresa a tassazione per gli anni d’imposta 2002 e 2003.
La Commissione tributaria regionale aveva dichiarato illegittima la ripresa a tassazione, ritenendo conseguentemente deducibili i relativi costi, nonostante, almeno per l’anno ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU